Shazia Naqui Carfagna: nel suo nome è racchiuso tutto il suo destino. Shazia è un nome di origini persiane e, come tutti i nomi dei bambini della cultura Urdu, è stato scelto dai genitori con un preciso significato: ‘rara’ ‘principessa’ – bellezza e regalità.

Shazia nasce in Pakistan, a Karachi, da genitori indiani che si erano trasferiti dopo l’indipendenza dell’India e suo padre avvia un’attività di esportazione di materie prima dal Pakistan e lavorazione del cotone arrivando ben presto a fornire le migliori catene di distribuzione americana. Ma il loro destino è l’Italia.

Come è strana la vita! Quando suo padre aveva soli 12 anni, ed una conoscenza molto limitata del mondo, durante un gioco aveva detto che sarebbe andato a vivere in Italia e così quando molti anni dopo la Camera di Commercio Pakistana gli ha chiesto dove volesse andare a lavorare e a promuovere il loro paese, lui non ha avuto dubbi e ha risposto: ”in Italia!”.

Così a 3 anni Shazia arriva in Italia con la sua famiglia, frequenta le scuole americane e inizia a costruire questa sua particolare personalità in cui emergono almeno 3 culture: la dolcezza e la profondità di quella Indo Persiana (Urdu è una delle 3 lingue ufficiali dell’India), il pragmatismo di quella americana e la gioia e creatività di quella italiana. Anzi ‘Romana’!

L’Italia è un magnifico paese composto da molte anime. Io mi sento profondamente romana. Amo questa città in cui sono cresciuta e che ho imparato a conoscere in modo particolare. I primi anni a scuola era come se vivessi in un mondo parallelo. Parlavo soprattutto Urdu e Inglese e i miei compagni erano tutti internazionali. Roma mi è entrata nell’anima respirando l’aria e gli umori delle persone!

Con questo mix di culture non poteva che avere successo nella vita. Un successo scritto nel destino.

Il suo nome italiano, Carfagna, è quello del marito che ha conosciuto durante un tamponamento sulla Roma-Fiumicino (l’autostrada che porta all’aeroporto). Credo che questa sia la cosa più ‘romana’ che esista: la fila di auto sul Grande Raccordo Anulare e il tamponamento. Se non ti è mai successo nella vita, allora non sei di Roma.

Il suo lato americano emerge negli affari e Shazia gestisce imprese da quando aveva 19 anni, quando un malore del padre la obbliga a prendere in mano le redini della impresa di commercio internazionale di famiglia. Lo fa con classe e con successo. Gira il mondo ma non sente che quello è il suo destino.

Ha lavorato per supportare suo padre, poi per suo marito in imprese che amava di riflesso, perché erano care alle persone della sua vita, ma non erano il suo destino. Quando diventa mamma ha l’occasione per concentrarsi di più su se stessa e su sua figlia e finalmente inizia il suo cammino.

Quando si ha la fortuna di amare il proprio lavoro è come se non si lavorasse mai. Vita e lavoro si confondono in un piacevole percorso. Ho iniziato I Spor Travel, la società di viaggi legata al mondo dello sport, ispirata dal desiderio di far crescere bene mia figlia e i suoi compagni di scuola. Il mondo dello sport era rimasto ancorato a schemi di business che non favorivano scambi culturali e una formazione aperta e internazionale dei ragazzi. Ho seguito le tendenze del mercato inglese e abbiamo creato nuove opportunità per i ragazzi e le famiglie, italiane e da tutto il mondo.

Il segreto di questa impresa è quello di dare subito una impostazione professionale ai ragazzi portandoli a contatto con i grandi campioni o le grandi società sportive, facendoli vivere da campioni e spingendoli ad assaporare il sapore della vittoria. Quando un ragazzo capisce la bellezza della adrenalina positiva poi è spinto a dare il meglio.

Ma le madri hanno un altro interesse, dare ai propri figli una conoscenza ampia del mondo, far apprezzare arte e cultura e i viaggi di Shazia sono sempre accompagnati da esperienze nella cultura dei luoghi.

Per me che ho vissuto con i piedi e il cuore in un mondo interculturale è importante poter conoscere e apprezzare lo spirito dei luoghi. Quel patrimonio intangibile fatto di sfumature che bisogna imparare a leggere come ho fatto io da bambina!

I Sport Travel è cresciuta ed oggi si rivolge ad un pubblico di tutte le età a cui propone una combinazione di Sport e Cultura Italiana, mantenendo il suo spirito iniziale di un viaggio nel meglio delle espressioni dell’uomo.

Lasciarsi viaggiare da Shazia è come lasciarsi andare alle emozioni.

Riguardo l'Intervistato:Shazia Naqui

Artists

Shazia Naqui, imprenditrice e fondatrice di ISport Travel